Il Comandante dei Carabinieri di Trezzano parla di violenza alle donne al Centro Socio Culturale

Riporto l’intervento che il Comandante dei Carabinieri Cuccuru e il Tenente Mezzetti di Rozzano, sull’argomento della violenza alle donne, hanno fatto durante la serata organizzata al Centro Socio Culturale il 7 ottobre 2011.

Tra le prime cose che emergono quando si parla di abusi subiti dalle donne due sono particolarmente significative: la loro dipendenza economica dal partner e la solitudine, responsabili della dipendenza psicologica che toglie alle donne la forza di spezzare la spirale della violenza.

Quando giungono in Pronto Soccorso le donne maltrattate molto spesso mentono nonostante l’evidenza, raccontano di incidenti domestici, spaventate o quasi vergognose di raccontare la verità. Gli operatori sanitari devono allora essere addestrati a osservare i segni caratteristici, non solo le ecchimosi o l’atteggiamento di paura ma anche eventuali vecchi lividi in via di guarigione. Non sempre però le donne, che arrivano in PS con una inespressa richiesta di aiuto, vengono capite, o per inesperienza degli operatori o per  mancanza di tempo.

L’atteggiamento di chi si avvicina a queste donne deve essere di empatia non giudicante, mentre occorre informarle della presenza delle associazioni di aiuto alle donne presenti sul territorio. E’ necessario che la paziente sappia che può denunciare il partner abusante ma che non è obbligata a farlo in quel momento, in cui presumibilmente si sente più fragile e più esposta.

La denuncia alle autorità però non risolve il problema, che spesso si trascina da lunghi anni. La catena va spezzata prima dentro di sè, non è sufficiente una denuncia. Il Comandante ha raccontato di donne che, nel momento in cui le forze dell’ordine arrivano a prelevare il partner violento per condurlo in carcere, loro stesse gli preparano la valigia e gliela portano. Questo è un evidente corto circuito, una specie di Sindrome di Stoccolma in cui la vittima diventa complice del proprio persecutore.                                                  

Per le forze dell’ordine diventa difficile indagare su certe questioni familiari per le evidenti resistenze che incontrano. Inoltre è bene sapere che con la legge sullo Stalking le donne hanno uno strumento in più per difendersi, ma è necessario seguire gli steps giusti. La prima cosa da fare è tenere un diario dei fatti, completo degli eventuali referti medici, cioè gli episodi vanno storicizzati: infatti la violenza ripetuta è fatta di tanti fatti singoli che presi individualmente hanno meno peso giuridico, mentre  una descrizione precisa e puntuale di tutte le aggressioni subite nel tempo fa rientrare il reato all’art. 612 bis, Atti Persecutori (Stalking).

Da ricordare che oltre alla carcerazione per il violento ci sono altre misure in difesa della donna come ad es. il divieto di avvicinamento, divieto di dimora e anche le misure cautelari che vengono applicate fin dalle indagini preliminari senza aspettare la sentenza.

Fondamentale tuttavia resta il desiderio di collaborazione della vittima con le forze dell’ordine e soprattutto la presa di coscienza della propria condizione, abbandonare la tendenza a sottovalutare la violenza subita, a colpevolizzarsi e trovare dentro di sè la forza per liberarsi.

Per concludere il Comandante Cuccuru ricorda che negli ultimi 2 mesi a Trezzano sono state arrestate 2 persone per il reato di stalking.

IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE – 25 NOVEMBRE – DEMETRA DONNE ORGANIZZA UNA SERATA

Rassegna   Cinematografica   al    Femminile

VOGLIAMO IL PANE MA ANCHE LE ROSE

organizzata da

DEMETRA   DONNE

Associazione contro la violenza di genere

DEMETRA   DONNE 

vi   invita   alla   proiezione   del   filmato

PARLA CON LUI

La voce dei violenti

Un documentario di ELISABETTA FRANCIA

in cui i persecutori si raccontano

 In Italia, secondo la più accreditata indagine Istat del 2006, il 33% delle donne dai 16 ai 70 anni dichiarava di aver subìto, almeno una volta nella vita, violenze fisiche e sessuali da parte di un uomo. […] Partendo dalla constatazione che la violenza contro le donne riguarda innanzitutto gli uomini, il documentario vuole raccontare il processo di mutamento della coscienza e della consapevolezza maschile nei confronti della violenza, affrontando alcuni dei temi centrali di questa drammatica problematica: quali sono gli stereotipi culturali che alimentano la violenza nei confronti delle donne? […] Per combattere la violenza contro le donne dobbiamo tutti impegnarci per creare nuove consapevolezze e nuovi percorsi, per superare gli stereotipi e per cambiare atteggiamenti e comportamenti di giovani e adulti. Si usa la violenza quando non siamo in grado di usare la forza della parola. (Assessorato Pari Opportunità – Provincia di Milano, Ente co-finanziatore del filmato)

VENERDI   25   NOVEMBRE   2011

ORE   20.45
 Presso Punto EXPO
Via Vittorio Veneto n°30  Trezzano sul Naviglio
Seguirà piccolo rinfresco    
ASSOCIAZIONE  DEMETRA DONNE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE    TREZZANO S/N  - VIA BOITO  
  • CENTRALINO DI ASCOLTO  
  • COLLOQUI INDIVIDUALI DI ACCOGLIENZA
  • COLLOQUI DI SOSTEGNO CON PSICOLOGHE
  • COLLOQUI LEGALI
  • ANONIMATO
  • Orari apertura sportello in VIA BOITO Trezzano s/N :
Martedì      ore 9.30 - 11.30
Mercoledì  ore 17 - 18.30
Giovedì      ore 16 – 17
  • Segreteria telefonica sempre attiva
e-mail: demetradonne@fastwebnet.it 

Giorno dell'inaugurazione della sede di Demetra in Via Boito


					
Advertisements

2 thoughts on “Il Comandante dei Carabinieri di Trezzano parla di violenza alle donne al Centro Socio Culturale

  1. Pingback: Incontro sulla violenza DI genere, IN genere (DE-genere?) Boh! « Flavia's Restaurant

  2. Pingback: Mozione sulla violenza di genere. I consiglieri di maggioranza SI ASTENGONO « P.D. Trezzano

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s