Grecia, il contrattacco della democrazia

Il simplicissimus

grecia_parlamento_web--400x300C’è in fondo molta ironia nel fatto che la traiettoria di Tsipras sia iniziata con il fardello degli illusionismi prodotti dalle politiche euro finanziarie, con il vagheggiamento dell’altra Europa e  adesso, dopo averne toccato con mano l’inconsistenza, abbia deciso di propinare a Bruxelles l’unico veleno efficace contro il progetto reazionario continentale, ovvero la democrazia. Certo avrebbe potuto dire di no fin da subito agli oligarchi, si è cullato fino all’ultimo nell’illusione che essi stessero bluffando e che alla fine avrebbero ceduto abbastanza da consentirgli un minimo di agibilità finanziaria e politica, ma alla fine si è deciso ad usare l’arma del referendum, quello stesso che avrebbe dovuto essere tenuto nel 2011 e che fu impedito a tutti i costi dalla troika, alias istituzioni europee, grazie anche alla ricattabilità di Papandreu.

Così Tsipras, cercando una via d’uscita, ha gettato nel più profondo sconforto i vertici di Bruxelles, ancor più che se avesse detto no autonomamente: perché un…

View original post 560 more words

Advertisements