La scuola libertaria in via di sostituzione con un ibrido insensato

Qualche tempo fa avevo scaricato da una rivista on-line (di cui sfortunatamente ho dimenticato il nome) questa riflessione sulla nostra scuola. Leggendola mi ero accorta di aver sempre pensato le stesse cose, e in particolare che la nostra scuola è un luogo dove, fra mille difficoltà, si coltiva il pensiero critico, un pensiero cioè antiautoritario, lontano dalla mentalità bigotta e reazionaria dell’attuale governo. E di questo SONO ORGOGLIOSA. Come insegnante della scuola pubblica italiana rivendico la libertà di trasmettere ai miei allievi i valori costituzionali e una sensibilità cosmopolita e libertaria, dei diritti e della condivisione contro l’egoismo e l’elitismo. Di seguire cioè le indicazioni dei più elevati principi filosofici a cui il pensiero umano è pervenuto, raccolti nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nella Convenzione ONU dei diritti del fanciullo.

In questo senso i miei allievi ed io facciamo parte di un’elite: il manipolo dei fratelli  della libertà, dell’uguaglianza e della giustizia.

Due ordini di scuola in Italia hanno bisogno di una serio e profondo ripensamento: la secondaria superiore (21% di abbandono scolastico!) e l’università (diplomati iscritti: 38%, laureati 11%!)

L’unico ordine di scuola che negli anni ha promosso un rinnovamento della didattica, interventi sulle difficoltà di apprendimento e a favore dell’inclusione è stata la scuola elementare. Un impegno quotidiano di cui i saccenti non sanno niente.

Ma perché allora è la scuola che maggiormente ha subito questa macelleria grossolana che sta letteralmente scardinando una realtà apprezzata, anche nelle valutazioni internazionali? La necessità di razionalizzare è la scusa per i tagli, ma i tagli sono il pretesto per la vera ragione di questo blitz: la vera colpa della scuola elementare è di essere culturalmente irriducibile alla cultura che oggi vuole governare. Quando il Ministro Tremonti rinfaccia alla nostra scuola di essere figlia del ’68 ci offre la vera chiave interpretativa. *

Ed è proprio così: la nostra scuola E’ figlia del ’68, ma non nell’allusione del ministro che la contrappone ad una scuola precedente che era“buona”; la scuola pre-68 non era buona, era una scuola che escludeva, era una scuola per pochi, una scuola autoritaria non autorevole, una scuola ingiusta. All’inizio degli anni ’60 soltanto un bambino su 4 proseguiva gli studi oltre le elementari, e soltanto uno su 12 andava oltre la scuola media (dal quotidiano “Europa” 7/9/2008). Cerchiamo di ricordarcelo, quando veniamo presi dalla fregola nostalgica: molti di noi non sarebbero qui a leggere questa mail se la scuola fosse ancora quella del bel tempo andato, se non avesse compiuto quel cammino di apertura e autocritica, di riflessione e di adesione a principi pedagogici, quelli sì moderni e rigorosi, che hanno permesso una vera e propria rivoluzione culturale non violenta, graduale, intelligente, senza blitz o alzate di ingegno.

In questi decenni si è verificato un grande fenomeno di avanzamento sociale, un’autentica pacifica rivoluzione positiva: l’istruzione diffusa e generalizzata in Italia, per tutti e ovunque. Si è realizzato cioè uno dei dettati della Costituzione[…]Non vorrei che fosse questo in realtà, il vero approdo: indebolire questo sistema che offre opportunità di istruzione a tutti per sostituirvi un sistema in cui, fatte salve alcune punte di eccellenza consegnate al mercato, si abbandoni tutto il resto (Sergio Mattarella, Ministro della Pubblica Istruzione 1989/90 – che NON E’, come saprete, un comunista).

Sì la nostra è la scuola del ’68. Questo non significa che tutti gli insegnanti siano degli sfegatati comunisti, come si sogna qualcuno. Significa però che anche il più severo insegnante è un insegnante libertario, un insegnante che permette ai bambini di esprimersi, che Continue reading