La scuola statale dequalificata. Un pezzetto alla volta.

RIPORTO QUI LA LETTERA CHE HO INVIATO AL CORRIERE IN RISPOSTA ALL’ARTICOLO “NIENTE INGLESE SIAMO IN CLASSE”.

http://www.corriere.it/cronache/10_settembre_24/Lacava-niente-inglese-siamo-in-classe_3b4f8886-c7c7-11df-9bef-00144f02aabe.shtml

Sono un’insegnante elementare (ex specialista) d’inglese. Vorrei fare un paio di precisazioni all’articolo di Cristina Lacava intitolato “Niente inglese siamo in classe”, non per pignoleria ma perchè ritengo che vadano meglio chiariti i meriti e le responsabilità per le buone pratiche che nella scuola statale fino ad oggi funzionavano ma che ora sono state rottamate.

Come viene giustamente riportato, l’insegnamento della lingua inglese alle elementari inizia molti anni fa in modo sperimentale e con pochissimi insegnanti abilitati, che negli anni aumenteranno di numero (11200 insegnanti specialisti) fino a coprire tutte le classi del ciclo elementare, secondo quanto previsto dalla legge 148/90. Infatti è questa legge, e non la riforma Moratti, che prevedeva già l’insegnamento della lingua straniera fin dalla classe prima, anche se spesso le scuole erano costrette a far partire l’insegnamento dalla terza per mancanza di insegnanti.  L’amministrazione scolastica durante gli anni ha investito massicciamente nella formazione di insegnanti di LS, sia dal punto di vista linguistico che didattico, istituendo la figura dell’ insegnante specialista dedicata esclusivamente all’insegnamento della lingua straniera. Questa scelta è sicuramente costata in termini economici ma ha portato a dei risultati notevoli laddove gli insegnanti avevano ricevuto un’adeguata formazione.  Io stessa sono testimone di un drammatico innalzamento dei livelli di performance in lingua inglese alle scuole medie da parte di quegli allievi che hanno avuto un buon insegnamento alle elementari, e sto parlando di dati confrontabili statisticamente, non di aria fritta. Ciò sta a significare che si ottengono ottimi risultati facendo le scelte giuste e i relativi investimenti.

Inoltre, sempre perchè la gloria non vada a personaggi che non la meritano, la didattica innovativa denominata Clil (cioè l’insegnamento di una materia disciplinare attuato in lingua inglese) non è un’invenzione dell’attuale ministro ma se ne parla già da diversi anni: io stessa ho partecipato 2 anni fa a un corso di formazione insieme ad una collega, pagato dalla scuola, per imparare questa metodologia. L’anno scorso ho applicato in 4 classi quarte quanto avevo appreso, portando avanti un programma di scienze  esclusivamente in inglese. E’ stata forse l’esperienza più gratificante degli ultimi anni per me e i miei allievi, e i risultati sono stati strabilianti.

Oggi, grazie alle nuove disposizioni varate dal governo, tutto questo è stato spazzato via. L’eccellenza di cui andavamo tanto fieri è stata gettata nella spazzatura.  11000 specialisti stanno per essere eliminati. E’ avvenuto nel giro di 2 mesi: a giugno ero una specialista che conduceva i propri allievi sulle vie della conoscenza in lingua inglese; a settembre sono un’insegnante tuttologa che insegna materie che non ha mai insegnato.

Il disprezzo per gli studenti è evidente,  il loro diritto ad avere il meglio ignorato, l’abbassamento dell’offerta formativa nella scuola statale una realtà che grida vendetta. Io e molti miei colleghi vediamo un patrimonio di esperienza e professionalità gettato nella spazzatura. Ma per favore non diciamo che questo è l’esempio dell’ennesimo flop;  non di flop si tratta, ma di assassinio premeditato di un’esperienza qualificante.

Cordialmente.
Flavia Caimi