E ADESSO VALUTATECI TUTTI!

Ma anche no. Figuriamoci se io potrei accettare di essere valutata da una Gelmini qualunque. Andiamo per ordine. Questo l’estratto della proposta ministeriale, presentata alle scuole di Torino e Napoli già alla fine dello scorso anno, attraverso gli uffici provinciali,e dalle scuole prontamente rifiutata.

Il progetto sperimentale prevede la valutazione dei singoli insegnanti da attuare nel corrente anno scolastico,

coinvolgendo 15 scuole di Milano e Cagliari (Torino e Napoli hanno gentilmente declinato l’invito)

concedendo una mensilità di premio al 20% dei docenti tra quelli che ne fanno domanda e che hanno ottenuto il miglior piazzamento.

Ma chi provvederà ad assegnare il premio? Il nucleo dei “valutatori” sarà composto dal dirigente e da due docenti eletti con voto segreto dal collegio dei docenti “supportati”  dal presidente del consiglio d’Istituto (che, ricordiamo, è un genitore).
Quali saranno gli indicatori?
1. Curriculum,
2. scheda di autovalutazione (???)
3. attività connesse al profilo dei docenti previste dal contratto vigente
4. apprezzamento da parte di genitori e studenti

Cioè facciamo un esempio terra terra: la mia capacità di insegnare inglese potrebbe essere valutata da 2 colleghi che non conoscono la lingua, ignorano (legittimamente, anche) i principi della didattica per la lingua straniera, e magari con uno di loro ho un contenzioso per questioni politico/sindacali e/o personali. E non dimentichiamo che questo allegro trio avrà la facoltà di elargire – o negare – denaro, soldi, money, dinero – pochi, per la verità – ma sempre denaro pubblico.

Ma poi: LORO a chi rispondono? A nessuno. Proprio così.

Ma non è tutto.

Figuriamoci se io non sarei favorevole alla valutazione, SOGNO DA SEMPRE  che un organismo superiore, CHE NE SA PIU’ DI ME, mi valuti. Sono certa di prendere dei bei voti!

Ma:

– con questa struttura e le risorse che ci ritroviamo a seguito di provvedimenti ministeriali che costringono gli insegnanti a improvvisare soluzioni di emergenza (più alunni, meno insegnanti, classi più numerose, meno insegnanti di sostegno);

– con un’organizzazione scolastica che fa acqua da tutte le parti (provveditorati lenti e inefficienti, reclutamento da rivedere tout court, differenze di contesto a volte drammatiche fra zona e zona, tagli di risorse da parte degli enti locali,  sciatteria normativa, che ad. es. prevede gli aumenti solo per il 20% dei “bravi” – e se i bravi sono di più cosa facciamo? Li giochiamo ai dadi?… No facciamo le graduatorie. Ah altre graduatorie…)

cioè in questo modo superficiale e raffazzonato, farsi valutare significa non avere rispetto di sè stessi!

Io non mi faccio valutare da chi ne sa meno di me, ma soprattutto SENZA criteri chiari e condivisi, da una commissione valutante ristrettissima e blindata, e senza aver chiarito come deve essere l’insegnante desiderabile (e se esiste, prima di tutto, e chi lo decide).

E’ una riflessione che va fatta e io INSISTO perché il paese si impegni in questa riflessione. DOPO mi farò valutare senza problema.

E last but not least:

PRIMA si adegui il salario agli standard MINIMI europei (700 euro di aumento secco per TUTTI) POI facciamo partire la valutazione (una cosa seria però) alla quale legare la carriera e tutti i successivi aumenti di stipendio.

Anzi, a chi accusa gli insegnanti di essere dei fannulloni  rispondo che:

Per 1300 euro al mese  molti di noi  stanno facendo anche troppo, chi fa solo il minimo sindacale fa già tanto!

Personalmente ho sempre lavorato il triplo delle ore previste, e nelle scuole dove ho insegnato io la maggior parte lavora così.

Ma farsi prendere in giro no!

Se non abbiamo, noi, rispetto per noi stessi cosa vogliamo insegnare ai nostri alunni? Se non è chiaro a noi che il settore è strategico chi lo deve capire? Il legislatore leghista? Se non abbiamo la coscienza dei nostri diritti, e il coraggio di lottare, fanno bene a umiliarci con queste oscene proposte (d’altra parte, permettetemi una facile battuta, l’oscenità è di casa in questo governo).

Bonjour tristesse 2

La tristezza ha avvolto gli edifici romani del potere specialmente nell’ultima parte di dicembre. Gli ineffabili abitanti di quel particolare tipo di ecosistema che si chiama parlamento non se ne sono accorti – come potevano? i girasoli impegnati a correre dietro al re sole, le girandole impegnate a cogliere il vento, le balenottere a ricalcolare la rotta, i nuovi acquisti a rinegoziare i mutui, la banda bassotti a tenere basso il profilo, i commessi a sedare Rosi Mauro –  ma il loro è inequivocabilmente, malauguratamente, un governo triste e desolato.

L’epitome di tanta cupezza è lo squallido DDL Gelmini sull’Università, una boiata pazzesca che però ha un’unica qualità redentrice: ha ricompattato il movimento degli studenti, che è intervenuto in modo esemplare sulla questione portando allo scoperto la pochezza della “cosa” Gelmini, cioè sì, quella cosa lì, la “riforma”… ma non è una riforma… una “controriforma” allora… neanche. Insomma è una legge che  il presidente Napolitano è stato costretto a firmare il 30 dicembre ma “con rilievi” a causa di criticità presenti nel testo, legge che hanno voluto far passare a tutti i costi nonostante le forti perplessità del mondo accademico (non di quei rettori però a cui verranno conferiti maggiori poteri – curioso).

Intanto gli studenti hanno battuto la capitale fra gli applausi e l’incoraggiamento della popolazione (con disappunto di Maroni che non avrebbe disdegnato un paio di bombe carta, e di Gasparri che non avrebbe disdegnato 2-300 arresti preventivi).

L’Unione degli studenti Universitari ha rilasciato una dichiarazione che più chiara non si può: [la Gelmini] ha avuto piu’ di un anno di tempo per ascoltare le nostre ragioni, l’apertura al confronto dopo l’approvazione di una legge quadro e’ propria di una turista della democrazia. Continueremo la nostra mobilitazione per raccogliere, come abbiamo fatto in questi mesi, lo sdegno verso un Governo autoreferenziale e autoritario”.

L’immagine di vita, brio e passione del corteo studentesco del 22 dicembre è la mia scelta per l’immagine dell’anno, il loro slogan il miglior epitaffio funebre per questo governo triste, triste, corrotto e triste.

Voi soli nella zona ROSSA, noi liberi per la CITTA’

Bonjour tristesse 1

Il 2010, politicamente, si è chiuso in tristezza. Il 14 dicembre, dopo un’asta all’ultimo mutuo, il premier attualmente in carica (per gli internauti che in un  lontano futuro si imbatteranno in questo blog, Silvio Berlusconi) è riuscito ad aggiudicarsi il pezzo forte  – la fiducia – giostrandosi da par suo fra riottosi famigli e ingorde girelle nella Piazza Affari romana, cioè il Transatlantico.

E’ lì che ha consolidato gli assets, che gli hanno permesso di sopravvivere ad un’aggressiva – per una volta – mozione di sfiducia. E’ pur vero che non si è aggiudicato pregiati blue chips (Scilipoti: crede nell’agopuntura, ha una mamma che l’adora, qualche debito e qualche guaio con la giustizia ma vabbè; Razzi, l’ex operaio svizzero che conosce il listino prezzi come le sue tasche; tal Catia Polidori, “solo” una carissima amica della famiglia Polidori proprietaria del Cepu, l’Università on Line che NON verrà penalizzata dalla “riforma” Gelmini; Calearo, solo un carissimo  ex-amico di Veltroni; e qualche altro pesce volante della stessa caratura) ma al nostro presidente poco importa;  non è di qualità che ha bisogno, che potrebbe confliggere con l’enturage storico.

E così una giornata che avrebbe potuto essere memorabile… lo è stata, ma per la tristezza di quanti hanno avuto la conferma che a scommettere sull’affidabilità dei nostri politici, si perde sempre si perde tutti.

Baggianate lette sul Cameriere della Sera

Pardon, Corriere della Sera, del 1/12/2010:

1) Intervista a Bondi.

Pensa che il governo otterrà la fiducia?

Mi auguro che il governo otterrà la fiducia. […] In una tormenta economica così delicata… e che finora il governo ha affrontato con saggezza grazie… all’autorevolezza del presidente del Consiglio

2) Nuovo sondaggio Ipsos

Il Pd perde lo 0,2, scendendo al 23.4 (il Pdl recupera lo 0,5, salendo a 27.1 )

Titolo: Letta rilancia Chiamparino. Fioroni parla con Casini. E il Pd scende ancora.

Amen

3) Sentenza  Adro, via il sole leghista dalla scuola. Dichiarazione del sindaco Lancini:

Hanno vinto solo una battaglia. La guerra sarà ancora lunga”

Già, mancano ancora: Il Ponte di Remagen, Il Giorno più lungo, Quell’ultimo Ponte, Kelly’s Heroes e Dove Osano le Aquile.

4) 400.000 studenti in piazza in tutta Italia contro la “cosa” Gelmini. Studenti ricacciati indietro con un ultimo, strenuo sforzo della cristianità, stavano per conquistare Vienna, pardon il Senato.  Maroni dichiara: “avevano mazze e bombe carta”.

E  dei fischietti.

Le forze dell’ordine dichiarano: “Non abbiamo mai risposto alle provocazioni”.

Che forza d’animo. Stavolta non hanno spaccato la testa a nessuno!

Citazione di Giorgio de Rienzo:

Protestare e dare

il capo nel muro

lo può fare ognuno.

Mah.


I KILLER DELLA SCUOLA, e gli ignar(v)i fiancheggiatori

Riporto una lettera del dirigente scolastico ANNA MARIA CARBONE, presidente del Cidi (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti) di Grosseto. Articolo originale

Una lettera che denuncia l’inazione di tanti Collegi Docenti e Dirigenti Scolastici in tutta Italia che, pur in presenza di una sentenza del Tar del Lazio che di fatto sospendeva la “riforma” Gelmini, e nonostante ci fosse l’appiglio della mancata conferma da parte del Consiglio di Stato e del Consiglio Superiore dell’Istruzione, non hanno ritenuto nemmeno di esprimere un parere o far passare una mozione di condanna a un provvedimento che, era chiaro a tutti, avrebbe assassinato il nostro sistema scolastico migliore, quello elementare.

Avremmo dovuto chiedere conto del perchè fossimo costretti, per obbligo di servizio, ad attuare una “riforma” senza il via libera degli organi di controllo, quindi con forti sospetti di illegalità.

Invece niente. Noi insegnanti in sostanza abbiamo fatto nostro il comportamento che in genere condanniamo: il mugugno fuori dai cancelli, silenzio all’interno del tempio!!

Siamo gli stessi insegnanti che formulando gli obiettivi educativi per i nostri alunni inseriamo, senza arrossire, obiettivi ambiziosi quali: “capacità di esprimere il pensiero critico” e via gasandoci.

La verità è che una banda di malfattori ha ucciso la scuola, e un mare di arrendevoli fiancheggiatori (ma dovrei dire arrendevoli fiancheggiatrici, e non è una distinzione da poco) gli ha reso facile il compito. Forse dovremmo guardarci dentro prima del prossimo, pretenzioso, Corso di Aggiornamento.

Disastro scuola: come ci siamo arrivati
Per tutta una serie di circostanze (fortunate o sfortunate, non so) avrei potuto a cinquant’anni (sono del  1960) essere una delle colonne della scuola elementare del paesino in cui vivo con la famiglia. Invece mi ritrovo ad essere il Dirigente scolastico di tante insegnanti uniche e mitiche come quelle che tu hai descritto così bene. Colonne a cui io stessa ho completamente e serenamente affidato mio figlio da piccolo.

Con tutto l’affetto, il rispetto e la considerazione professionale che ho per queste colonne, la loro, ‘incrollabile fiducia nelle magnifiche sorti e progressive della scuola’, ha contribuito al disastro! Sapevamo da più di due anni che il destino della scuola italiana, e soprattutto dell’unica scuola riformata e dai risultati europei positivi (la scuola elementare della riforma degli anni 90), era segnato. Il disastro che oggi si è concretizzato era sotto gli occhi di tutti, a meno che incapaci di intendere o in malafede. Ognuno si è fatto i propri conti e chi ha intravisto aggiustamenti e scappatoie per i propri gruppi di appartenenza (es tocca ai moduli ma non al tempo pieno, tocca ai  più giovani  o ai precari…)  ha pensato si potesse governare la bufera.

In particolare, il personale femminile, maggioranza silenziosa e schiacciante, dalla scuola di base, molto più impegnata, con grande mio rammarico, a dirigere il traffico del pranzo della domenica, matriarche placide e volitive, che a fare la rivoluzione. Perché questo serviva da subito, invece il silenzio degli operatori e delle famiglie, zittite sotto lo sguardo sereno e severo delle … inguaribili ottimiste, e soprattutto  la propaganda hanno fatto sì che ai tagli eclatanti si aggiungessero altre carenze di risorse che hanno fatto il resto.

Come dico sempre affettuosamente alle mie insegnanti: ‘inutile lamentarsi adesso … capisco che per fare la rivoluzione non c’è tempo per ‘le cene e i pranzi di famiglia’, le camicie inamidate, le stanze profumate e spolverate … ma anche per il thè con le amiche o le fughe romantiche… lo stesso tempo che manca perché la professione docente sia esercitata con i tempi e gli approfondimenti dovuti.

Loro non se la prendono, soprattutto, perché toccano con mano ogni giorno uno dei veri punti da riformare radicalmente: il patto antico e scellerato al ribasso tra Stato e mondo sindacale (un patto per il quale ‘ti chiedo poco e ti pago poco’: un patto due volte scellerato perché ha costretto tantissimi meravigliosi professionisti al volontariato e all’autoformazione). Ma anche perché abbiamo condiviso insieme tante battaglie e sanno che continuerò a farlo in prima fila … anche perché non so cucinare.

Anna Maria Carbone”

La scuola libertaria in via di sostituzione con un ibrido insensato

Qualche tempo fa avevo scaricato da una rivista on-line (di cui sfortunatamente ho dimenticato il nome) questa riflessione sulla nostra scuola. Leggendola mi ero accorta di aver sempre pensato le stesse cose, e in particolare che la nostra scuola è un luogo dove, fra mille difficoltà, si coltiva il pensiero critico, un pensiero cioè antiautoritario, lontano dalla mentalità bigotta e reazionaria dell’attuale governo. E di questo SONO ORGOGLIOSA. Come insegnante della scuola pubblica italiana rivendico la libertà di trasmettere ai miei allievi i valori costituzionali e una sensibilità cosmopolita e libertaria, dei diritti e della condivisione contro l’egoismo e l’elitismo. Di seguire cioè le indicazioni dei più elevati principi filosofici a cui il pensiero umano è pervenuto, raccolti nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nella Convenzione ONU dei diritti del fanciullo.

In questo senso i miei allievi ed io facciamo parte di un’elite: il manipolo dei fratelli  della libertà, dell’uguaglianza e della giustizia.

Due ordini di scuola in Italia hanno bisogno di una serio e profondo ripensamento: la secondaria superiore (21% di abbandono scolastico!) e l’università (diplomati iscritti: 38%, laureati 11%!)

L’unico ordine di scuola che negli anni ha promosso un rinnovamento della didattica, interventi sulle difficoltà di apprendimento e a favore dell’inclusione è stata la scuola elementare. Un impegno quotidiano di cui i saccenti non sanno niente.

Ma perché allora è la scuola che maggiormente ha subito questa macelleria grossolana che sta letteralmente scardinando una realtà apprezzata, anche nelle valutazioni internazionali? La necessità di razionalizzare è la scusa per i tagli, ma i tagli sono il pretesto per la vera ragione di questo blitz: la vera colpa della scuola elementare è di essere culturalmente irriducibile alla cultura che oggi vuole governare. Quando il Ministro Tremonti rinfaccia alla nostra scuola di essere figlia del ’68 ci offre la vera chiave interpretativa. *

Ed è proprio così: la nostra scuola E’ figlia del ’68, ma non nell’allusione del ministro che la contrappone ad una scuola precedente che era“buona”; la scuola pre-68 non era buona, era una scuola che escludeva, era una scuola per pochi, una scuola autoritaria non autorevole, una scuola ingiusta. All’inizio degli anni ’60 soltanto un bambino su 4 proseguiva gli studi oltre le elementari, e soltanto uno su 12 andava oltre la scuola media (dal quotidiano “Europa” 7/9/2008). Cerchiamo di ricordarcelo, quando veniamo presi dalla fregola nostalgica: molti di noi non sarebbero qui a leggere questa mail se la scuola fosse ancora quella del bel tempo andato, se non avesse compiuto quel cammino di apertura e autocritica, di riflessione e di adesione a principi pedagogici, quelli sì moderni e rigorosi, che hanno permesso una vera e propria rivoluzione culturale non violenta, graduale, intelligente, senza blitz o alzate di ingegno.

In questi decenni si è verificato un grande fenomeno di avanzamento sociale, un’autentica pacifica rivoluzione positiva: l’istruzione diffusa e generalizzata in Italia, per tutti e ovunque. Si è realizzato cioè uno dei dettati della Costituzione[…]Non vorrei che fosse questo in realtà, il vero approdo: indebolire questo sistema che offre opportunità di istruzione a tutti per sostituirvi un sistema in cui, fatte salve alcune punte di eccellenza consegnate al mercato, si abbandoni tutto il resto (Sergio Mattarella, Ministro della Pubblica Istruzione 1989/90 – che NON E’, come saprete, un comunista).

Sì la nostra è la scuola del ’68. Questo non significa che tutti gli insegnanti siano degli sfegatati comunisti, come si sogna qualcuno. Significa però che anche il più severo insegnante è un insegnante libertario, un insegnante che permette ai bambini di esprimersi, che Continue reading

La scuola statale dequalificata. Un pezzetto alla volta.

RIPORTO QUI LA LETTERA CHE HO INVIATO AL CORRIERE IN RISPOSTA ALL’ARTICOLO “NIENTE INGLESE SIAMO IN CLASSE”.

http://www.corriere.it/cronache/10_settembre_24/Lacava-niente-inglese-siamo-in-classe_3b4f8886-c7c7-11df-9bef-00144f02aabe.shtml

Sono un’insegnante elementare (ex specialista) d’inglese. Vorrei fare un paio di precisazioni all’articolo di Cristina Lacava intitolato “Niente inglese siamo in classe”, non per pignoleria ma perchè ritengo che vadano meglio chiariti i meriti e le responsabilità per le buone pratiche che nella scuola statale fino ad oggi funzionavano ma che ora sono state rottamate.

Come viene giustamente riportato, l’insegnamento della lingua inglese alle elementari inizia molti anni fa in modo sperimentale e con pochissimi insegnanti abilitati, che negli anni aumenteranno di numero (11200 insegnanti specialisti) fino a coprire tutte le classi del ciclo elementare, secondo quanto previsto dalla legge 148/90. Infatti è questa legge, e non la riforma Moratti, che prevedeva già l’insegnamento della lingua straniera fin dalla classe prima, anche se spesso le scuole erano costrette a far partire l’insegnamento dalla terza per mancanza di insegnanti.  L’amministrazione scolastica durante gli anni ha investito massicciamente nella formazione di insegnanti di LS, sia dal punto di vista linguistico che didattico, istituendo la figura dell’ insegnante specialista dedicata esclusivamente all’insegnamento della lingua straniera. Questa scelta è sicuramente costata in termini economici ma ha portato a dei risultati notevoli laddove gli insegnanti avevano ricevuto un’adeguata formazione.  Io stessa sono testimone di un drammatico innalzamento dei livelli di performance in lingua inglese alle scuole medie da parte di quegli allievi che hanno avuto un buon insegnamento alle elementari, e sto parlando di dati confrontabili statisticamente, non di aria fritta. Ciò sta a significare che si ottengono ottimi risultati facendo le scelte giuste e i relativi investimenti.

Inoltre, sempre perchè la gloria non vada a personaggi che non la meritano, la didattica innovativa denominata Clil (cioè l’insegnamento di una materia disciplinare attuato in lingua inglese) non è un’invenzione dell’attuale ministro ma se ne parla già da diversi anni: io stessa ho partecipato 2 anni fa a un corso di formazione insieme ad una collega, pagato dalla scuola, per imparare questa metodologia. L’anno scorso ho applicato in 4 classi quarte quanto avevo appreso, portando avanti un programma di scienze  esclusivamente in inglese. E’ stata forse l’esperienza più gratificante degli ultimi anni per me e i miei allievi, e i risultati sono stati strabilianti.

Oggi, grazie alle nuove disposizioni varate dal governo, tutto questo è stato spazzato via. L’eccellenza di cui andavamo tanto fieri è stata gettata nella spazzatura.  11000 specialisti stanno per essere eliminati. E’ avvenuto nel giro di 2 mesi: a giugno ero una specialista che conduceva i propri allievi sulle vie della conoscenza in lingua inglese; a settembre sono un’insegnante tuttologa che insegna materie che non ha mai insegnato.

Il disprezzo per gli studenti è evidente,  il loro diritto ad avere il meglio ignorato, l’abbassamento dell’offerta formativa nella scuola statale una realtà che grida vendetta. Io e molti miei colleghi vediamo un patrimonio di esperienza e professionalità gettato nella spazzatura. Ma per favore non diciamo che questo è l’esempio dell’ennesimo flop;  non di flop si tratta, ma di assassinio premeditato di un’esperienza qualificante.

Cordialmente.
Flavia Caimi